/Gravellona Lomellina

Gravaluna

              Lümelina

Gravellona Lomellina è un comune italiano di 2 749 abitanti della provincia di Pavia in Lombardia. Si trova nella Lomellina nordorientale alle porte di Vigevano, nella pianura alla destra del Terdoppio.

Nome abitanti: gravellonesi

Popolazione: 2.749 (2017) ISTAT

Sindaco: Franco Ratti

Comuni confinanti: Cassolnovo, Cilavegna, Tornaco (NO), Vigevano, Borgolavezzaro (NO)

Provincia: Pavia

FB3_1435.JPG

Dialet de Gravaluna:

Un om al gh'eva düü fiö. E 'l pü giuvan gh'ha dii a sò pà:

"Pà, dìm la mè part ch'am vegna!" e 'l pà gh'ha fai la sò part a tücc düü.

E 'l fiö pü giuvan, da lì a düü o trii dì, l'ha pijaa sü la sò part e l'è 'ndai in d'un pais luntan, e là l'ha cunsümaa tüt con viv a sò caprissi.

 

 

El Lümelin (parnunzia lucal: lümlén) a l'è un dialet del Lumbard Ucidental che l'è parlaa in de l'Ümléna, in Pruvincia de Pavia. Al se diferensia tant da tücc i alter dialèt Lumbard a mutif dè la particular pusiziun dè la Lümelina, che la cunfina cunt el Piemunt.

 

Difüsiun e cunfin lenguistigh

Cume em dit, la zona in de la qual 'stu dialet l'è parlaa la curespund ai cunfin de la Lumelina; però, vist che l'area in quistiun la se tröva a stregg cuntat cunt i pruvincc piemuntes de Lissandria, Vercei e Nuvara e quela de Milan in Lumbardia, l'è dificil assee definìl 'me un dialet ünifurmaa, anca se hin evident i similitüdin del dialet in di vari zonn. In de la zona tra el riaa Terdubi e la spunda de sera del Tisin, se tröven variant cumpagn del Paves de cità e al Milanes arius de la bassa; a nord i similitüdin hin quei cul Nuvares, menter a ovest, suratüt in del teritori sitüaa tra l'Agogna e la Sesia se tröven transiziun cul piemuntes. A süd inveci la gh'è una certa vesinanza cul Dialet de l'Ultrepò, che un quaivün el dis che l'è un dialet emilian.

 

 

«Il dialetto Lomellino a mio avviso è il migliore di tutti i parlati che sono tra la Sesia e il Ticino: ha brio, dolcezza ed energia, partecipa di tutti i dialetti che stanno al confine di questa ricca zona, e così nelle voci, nelle contrazioni come nelle intonazioni il dialetto Lomellino sa del Milanese verso il Ticino, del Piemontese verso la Sesia, dell'Emiliano verso il Po: e per la stessa ragione perde delle sue contrazioni e si allarga quanto più si avvicina a Novara. Imperocchè, esattamente parlando, le intonazioni lomelline incominciano subito quasi alle porte di Novara: esse appariscono a Terdobbiate, Vespolate, Cilavegna, Gravellona, Cassolo, d'onde per Robbio, Mortara e Gambolò si spingono sempre più condensandosi ed accentuandosi verso Lomello e la bassa Lomellina, da Pavia a Sannazzaro de' Burgondi ed al Cairo. [...] Quindi il centro del dialetto Lomellino non devesi cercarlo a Mortara, dove domina l'intonazione del Novarese: neppure a Vigevano, dove trionfano le reminiscenze del volgare legionale, come lungo tutta la sponda del Ticino eccettuato Cassolo, e neanco a Pavia, dove l'elemento Emiliano vi è troppo ricevuto. Il centro naturale di questo dialetto lo si deve cercare nella bassa Lomellina, precisamente a Gambolò, a Mede, a Lomello: ivi il dialetto mantiene tutta la forze delle sue reminiscenze delle sue origini, e invece di snervarsi ed ammollirsi riceve perpetua energia dalle razze d'oltre Tanaro ed oltre Po.»

(Antonio Rusconi, I parlari del Novarese e della Lomellina, 1878, pag. XXVIII-XXIX)